Riordinatore rotativo

3350 dtp

Uscita su
trasportatore
pneumatico
neck-handling


Per contenitori da 0,1L a 3L

Riordinatore rotativo

3350 dtp

Uscita su trasportatore pneumatico neck-handling


Per contenitori da 0,1L a 3L

La macchina serve a riordinare contenitori vuoti in plastica di varia forma e dimensione (bottiglie, flaconi, taniche, ecc.) caricati alla rinfusa in una tramoggia di alimentazione.
I contenitori escono dalla macchina in posizione verticale sulla propria base di appoggio e vengono prelevati da un trasportatore pneumatico che li sostiene per il collarino.

Tabella produzione oraria con formato dedicato

Potenza elettrica 5,33 kW
Consumo aria a 6 bar 810÷1130 L/min
Peso 3650 kg

SCARICA LA SCHEDA TECNICA

Highlights

  • Cambio formato parziale: inserti da applicare su una attrezzatura base. Guarda il video »
  • Cambio formato totale: viene effettuato sostituendo i canali di caduta. Il numero di canali può variare a seconda del formato. Guarda il video »
  • Espulsore automatico per contenitori incastrati sul trasportatore pneumatico di uscita (contenitori arrivati già deformati al riordinatore).

Principio di funzionamento

Il carico della macchina, in questo caso “a due cadute”, viene effettuato da un nastro distributore posto al di sopra della tramoggia di alimentazione divisa in due settori; i contenitori sono dosati inviandoli, di volta in volta, nel settore più vuoto in base ai segnali provenienti da fotocellule di controllo livello. Il fondo della tramoggia è costituito da un cono su cui scivolano i flaconi che si distribuiscono verso selettori periferici, fissati ad una giostra rotante; per migliorare questa distribuzione e aumentare quindi la capacità di carico dei selettori il cono e la giostra ruotano in senso contrario. Dai selettori i contenitori scendono verticalmente trasferendosi in canali inferiori montati su una seconda giostra, rotante a velocità differente, in asse elettrico con la prima: questa particolare soluzione consente a ciascun selettore di riordinare due flaconi per ogni giro con notevole incremento della produzione oraria. L’impiego dell’asse elettrico permette inoltre di effettuare il cambio formato “totale”, con variazione del numero dei canali di caduta, garantendo alla macchina la possibilità di raggiungere velocità sensibilmente superiori passando da un formato più grande ad uno più piccolo e svincolandola dalla necessità di definire dall’inizio un “massimo formato lavorabile” in base al quale fissare il numero dei canali di caduta (in questo caso infatti il numero dei canali di caduta è variabile a piacimento). Per la motorizzazione del riordinatore è impiegato un inverter che permette una accurata regolazione della velocità e partenze ed arresti graduali, a vantaggio di una maggiore durata degli organi di trasmissione e di una superiore affidabilità. I canali inferiori accompagnano i contenitori alla zona d’uscita, imboccandoli in un dispositivo a cinghie di alimentazione di un trasportatore “presa collo”. Questo dispositivo, con motorizzazione indipendente, rende sincrona ai canali la velocità delle cinghie, permettendo un corretto inserimento dei flaconi sulle guide collo e garantendo un regolare funzionamento della linea di trasporto.

Tale motorizzazione è del tipo ad “asse elettrico” e consente di regolare la velocità delle cinghie in modo specifico per ciascun formato garantendo un funzionamento ottimale anche quando vi sia una notevole variabilità nelle dimensioni e nella forma dei contenitori trattati. La possibilità di regolare le cinghie sia in altezza che in larghezza permette inoltre un cambio formato molto rapido, senza sostituzione di parti e senza modificare l’altezza del trasportatore pneumatico in uscita dalla macchina. Per alimentare la linea con un flusso continuo e regolare, il riordinatore ha una velocità di base (corrispondente alla produzione nominale) e una velocità più bassa, detta velocità di rallentamento, impostabile attraverso il pannello di controllo: il passaggio dall’una all’altra velocità avviene in modo automatico ed è comandato da fotocellule che controllano lo stato di accumulo sui trasportatori a valle. La funzionalità del riordinatore si evidenzia nel sistema di cambio formato, estremamente rapido, ottenuto mediante inserti o sostituzione dei canali di caduta: tali operazioni risultano semplici e veloci grazie ai dispositivi di bloccaggio rapido adottati. Nel caso si trattino contenitori di dimensioni molto differenti tra loro è possibile aumentare il numero dei canali (più canali per il formato più piccolo) incrementando così in maniera consistente la produzione oraria ed adeguandola alle richieste del riempimento; viceversa, sarà sempre possibile lavorare un contenitore di dimensioni superiori al “massimo formato” iniziale mediante l’impiego di una attrezzatura dedicata con minor numero di canali ed adeguamento alla conseguente minor velocità richiesta dal riempimento. Gli interventi di regolazione sono intuitivi e resi pratici grazie all’impiego di strumenti di visualizzazione dei valori impostati e di differenti colori per ogni attrezzatura.